Care lettrici e lettori fedeli, il conteggio di Net-parade,ogni mese, parte da zero. E' mia intenzione posizionare il mio BLOG nel punto più alto possibile delle classifiche. Per farlo ho bisogno del vostro aiuto. Cliccate sul banner qui sopra. Non occorrono dati personali, basta cliccare su "sì, confermo il voto"...SI PUO' FARE OGNI ORA! GRAZIE!

sabato 16 settembre 2017

16/09/2017... Sabato pomeriggio... Domani tornano le "stagioni" di ACROSS DUO

Buon pomeriggio...


Tanti progetti...tanti concerti...tanta Musica...questo, in sintesi, è il programma delle prossimi stagioni autunno-inverno-primavera...
A proposito di "stagioni"...domani tornano i capolavori vivaldiani nella personale rilettura di ACROSS DUO...
Vi do comunicazione dell'evento in ritardo...non in ritardissimo... Il concerto, infatti, sarà  domani pomeriggio...ma non avrà luogo dalle "nostre" parti... 
Per "nostre parti" intendendo, ovviamente, la località geografica in cui opero, studio e vivo...
Mettiamo a fuoco le coordinate del concerto di domani...



Località: Castellar (CN)

Location: Castello la Morra, cortile (in caso di maltempo, porticato)

Orario: ore 17:00 - 18:30

A Castellar ACROSS DUO ha già tenuto un concerto nel mese di maggio 2016. In quell'occasione si era cimentato nel programma intitolato "Aria nuova", dedicato alle arie barocche rilette in chiave CROSSOVER.
Domani, nell'ambito della "Giornata della Mela di Valle Bronda", all'interno dell'ormai prestigioso  "VOXONUS FESTIVAL VALLE BRONDA", andranno in scena le quattro stagioni di Antonio Vivaldi, sempre riscritte in chiave "moderna" e di "confine"...

Una notizia utile: per chi arriverà in auto ci sarà un comodo parcheggio lungo via Morra. 
L'accesso al castello avverrà  attraverso una suggestiva strada nel bosco.

Devo ancora scrivervi una cosa importante... I concerti domani saranno due... Il primo sarà alle 17:00, come avete già appreso dalle righe che precedono...il secondo sarà alle 20:00 e sarà in altra location...con altro programma...

Dove?

focalizziamo anche questa notizia...


Ecco in sintesi...

Località: Brondello  (CN)

Location: Ristorante "La torre"

Orario: 
Ore 19:00 aperitivo offerto dal ristorante. 
Ore 20:00, concerto con i "BEST OF..." dell'Across Duo.


INFO:  019/824663

IN Più: A seguire, per chi vorrà, cena su prenotazione 0175 76198


Due concerti, quindi, diversi e complessi...soprattutto per noi che dobbiamo suonare un mare di Musica...
Non mi resta che scrivere qualcosa sulla nostra nuova opere dedicata ai quattro concerti di Antonio Viavldi... Per farlo userò le parole che scrissi un anno fa per presentare il medesimo concerto in altra città...

Com'è noto, le stagioni sono "costruite" in gran parte su episodi virtuosistici del violino solista e su sezioni descrittive... Entrambi gli aspetti, per il sottoscritto  (che ha riletto i capolavori vivaldiani appositamente per ACROSS DUO), non sono stati oggetto di interesse... Il linguaggio del duo savonese è di "frontiera", placidamente poggiato su più linguaggi che certamente si riferiscono al mondo colto ma che, ancor più fermamente, prediligono gli stili più "contaminati" del Jazz, del Pop...insomma quelli appartenenti al mondo CROSSOVER...
Ecco, allora, che i quattro concerti di Vivaldi diventano altro...diventano qualcosa che appartiene maggiormente a noi, viaggiatori della contemporaneità...diventano un mondo fatto di pensieri profondi... Le stagioni diventano una strada...anzi...un sentiero...complicato...come lo è la vita...diventano, infatti, proprio la metafora dell'esistenza umana...
Ogni concerto è preceduto da un quadro scritto appositamente da me. I quattro quadri introducono, quindi, la Primavera, l'Estate, l'Autunno e l'Inverno e sono tematicamente connessi tra loro. All'interno dei quattro brevi episodi vengono raccontate le fondamentali tappe della vita umana: la nascita, la crescita, la vecchiaia e la morte. Il quarto quadro si conclude, significativamente, con le stesse note del primo...in una sorta di struttura circolare, foriera, forse, di un messaggio ottimista di rinascita e rinnovamento perenne.


I tre tempi dei quattro concerti sono, com'è ovvio, completamente riscritti. Dei capolavori originali rimangono solo i temi portanti... Per il resto, nel progetto di Across Duo, c'è spazio a tanta invenzione. Nei primi tempi il tema principale del compositore veneto si fonde a un brano del nostro tempo, rispettivamente legato alla stagione che si sta via via raccontando...come dire: "i pensieri dell'uomo non sono mutati nei secoli...sono rimasti saldamente ancorati al cervello e al cuore di ogni essere vivente e pensante"... 


I secondi movimenti mantengono la linea melodica originale, eseguita integralmente dalla viola, sulla quale viene disegnata dal pianoforte una nuova trama armonica, così avulsa dal contesto originario da far apparire "lunare" ognuno dei movimenti centrali dei concerti. E' proprio nei secondi episodi che ho cercato di entrare con maggior peso drammatico nella filosofia esistenzialista dell'uomo. I terzi movimenti si liberano dagli schemi e dalle "contaminazioni" con altri temi per lasciare sfogo agli episodi più virtuosistici, a tratti funambolici, dei due strumentisti.
Le quattro stagioni di Across Duo rappresentano davvero un'occasione da non perdere in questa nuova  vicenda musicale e umana dei due interpreti...



... Vi aspettiamo davvero numerosissime/i... Credo di poter garantirvi un viaggio emotivo senza confini e senza tempo...adatto a tutte le età e a tutte...le stagioni...

Buon pomeriggio


lunedì 11 settembre 2017

11/09/2017... Lunedì mattina... Da oggi la Musica torna a volare!

Buon giorno...


Eccoci qui...
...è il primo giorno di scuola...
...si riprende...
Non so voi (e parlo alle studentesse e agli studenti di ogni scuola di ogni ordine e grado) ma io non vedo l'ora di essere di nuovo tra le mie ragazze e i miei ragazzi...
L'anno scolastico parte con uno zaino carico di progetti... L'estate appena conclusa è servita per farmi scrivere centinaia di pagine di arrangiamenti, pronti da essere letti e suonati...
Due Musical, un sacco di concerti, spettacoli teatrali...tutto questo ci attenderà in questo nuovo anno scolastico...
La "famiglia", la nostra...quella del Liceo Musicale "Plana" di Alessandria, si sta allargando... Accanto ai "vecchi allievi" delle classi seconda, terza e quarta, oggi approderanno ai banchi della nostra scuola altri trentatrè giovani musicisti... Sarà una classe prima affollata ed entusiasta... Purtroppo non è permesso al nostro liceo (così come alla maggior parte delle scuole italiane come la nostra) di avere due sezioni (altrimenti di studenti nuovi ce ne sarebbero più di cinquanta!)...
Sarà faticoso lavorare con una classe così numerosa ma...sarà altrettanto stimolante...
A tutte le ragazze e a tutti i ragazzi del nostro liceo musicale dico: "forza, varcate la soglia della nostra scuola con il solito consueto entusiasmo...passeremo così tante ore insieme da sentirci quasi parenti...e le passeremo tutte facendo Musica...Musica e ancora Musica!"
Alle ragazze e ai ragazzi del primo anno dico: "benvenute/i...ora siete nei nostri... Ci metterete una frazione di secondo a capire che siete arrivate/i nella scuola giusta! Non passerà un mese che conoscerete tutto del nostro liceo...conoscerete a fondo tutte le vostre 'colleghe' e tutti i vostri 'colleghi' che da qualche anno stanno vivendo un'esperienza sorprendente...entrerete subito in sintonia con le professoresse e i professori del corso... 
Non sarà tutto facile...
...ci saranno momenti 'complicati'...faticosi...ma, vi assicuro, saranno assai più numerosi  quelli di grande esaltazione delle vostre anime che danzeranno a tempo con i vostri cuori che, a loro volta, saranno cullati dalle note che, giorno dopo giorno, diventeranno sempre più belle e fondamentali per la vostra vita..."
...Allora...
Forza...entrate nelle nostre classi con la sicurezza di chi, da anni, calca le tavole del palcoscenico...lo spettacolo sta per iniziare...

Buon anno

venerdì 1 settembre 2017

01/09/2017... Venerdì mattina... Primo settembre...

Buon giorno...



Quanto tempo è passato, vero?
Eh, lo so signora...ho trascurato il mio BLOG e tutte le care persone che lo leggono...
Capita, nella vita, che le cose cambino...
Questo, per me (e, forse, anche per qualcuna/o di voi) è uno di quei momenti pieni di cambiamenti...
Scrivere quotidianamente su "Enrico Pesce Music" è sempre stata per me un'attività bellissima...ma anche ossessiva e, aggiungerei, compulsiva...
Quest'estate, in un caldo giorno di luglio, mi sono svegliato (qualcuna/o potrebbe fare il coro "o bella ciao, bella ciao, bella ciao, ciao, ciao) e ho deciso di non farmi più avvolgere dalla spirale del "dovere" informatico...
Così, dal 18 luglio, ho abbandonato totalmente i social... Molte persone mi hanno scritto più volte per conoscere le motivazioni di una tale scelta...
Ho cercato di dare a tutte/i la risposta migliore...risposta che, in realtà, non è neppure così definita dentro di me...
Sono entrato in un periodo in cui devo premere sull'acceleratore della mia attività professionale...soprattutto quella di musicista... Per farlo ho bisogno di tempo e concentrazione... Il BLOG, e tutto il resto appartenente al mondo della rete, è uno strumento utile per far conoscere il mio lavoro ma, allo stesso tempo, è una "trappola" (una "rete"?) che arresta il mio procedere...
Ecco...signora...queste righe in risposta ai suoi dubbi... La mia "latitanza" dal BLOG non è direttamente proporzionale alla mancanza di impegni... Semmai è il contrario...
I mesi estivi sono stati pregni di corsi estivi, viaggi, scrittura di partiture... Il lavoro compositivo è stato senza dubbio il più devastante...soprattutto perché non riguardava la creazione della Musica che ho dentro di me ma perché si riferiva a faticosissimi lavori su commissione che, naturalmente, non gratificano al pari dell'evoluzione creativa del mio pensiero...
In questa estate, invece, ho interrotto drasticamente l'attività concertistica. Ho voluto/dovuto resettare le mie esecuzioni pubbliche (esecuzioni pubbliche "suona" male...quasi fossero delle fucilazioni di massa delle mie aspirazioni)... Riprenderò con la metà di settembre... 
Di questo avrete, ovviamente, notizie su queste pagine...
Perché scrivo oggi, cara signora?
Beh...
Oggi è il primo settembre...l'inizio di un nuovo anno scolastico...
Sarà come gli altri?
Sarà meglio?
Peggio?
Mah...
Io sarò di nuovo al liceo musicale "Plana" di Alessandria...  La cosa mi inorgoglisce alquanto...anche se, ogni anno che passa, sento che la scuola mi sta sempre più stretta...
E' una sensazione, questa, che avverto a ogni "primo giorno di scuola"... Devo dire, però, che questa è la prima volta che sono attraversato da quest'ombra all'inizio d'anno scolastico nel mio amato liceo musicale...
In realtà non sono neppure rattristato dalla fine di questa lunghissima e caldissima estate... Per il primo anno non sono stato coinvolto nella commissione degli esami di stato... Una serie di concause ha fatto sì che i mesi di luglio e agosto mi siano parsi davvero interminabili (l'anno scorso, per esempio, ero stato impegnato sino al 7 agosto nella commissione del famigerato "Concorsone")...
Insomma... 
L'estate, per me, è stata davvero lunghissima e bellissima...
A parte questo...rimango sospeso tra l'essere e il diventare... Capirò come e cosa...
Per usare le parole del grande Battisti, "lo scoprirò solo vivendo" (e scusate la licenza poetica)...
... E...anche voi...vivete bene il vostro esistere...nel resistere al passaggio di queste stagioni inesorabili...

Buonissima giornata...

martedì 18 luglio 2017

18/07/2017... Martedì mattina...il miracolo c'è sempre...

Buon giorno...

Iniziamo da qui...da questa fotografia... Era sabato 8 luglio, alle ore 16:00...era il primo atto di una settimana spettacolare...fatta di Musica, di Arte, di Teatro...di Vita...quella vera...fatta di amicizia...trasversale...che abbraccia ogni cuore...di ogni età...


Proseguiamo con quest'altra fotografia...


L'ultimo atto della nostra meravigliosa settimana...
Nel primo scatto eravamo tutte/i lì...a progettare il lavoro dei giorni successivi...nel secondo, eccoci di nuovo tutte/i lì...a condividere il risultato di un impegno costante e faticoso...ma ricco di soddisfazioni e di emozioni...
A contrappuntare le nostre fatiche un paesaggio mozzafiato...che si apriva a noi ad ogni angolo dell'eremo di Sant'Ignazio..





Una squadra, la nostra, tutta impegnata nel raggiungere un incredibile risultato: mettere in scena un vero Musical, suonato, recitato, ballato, cantato tutto dal vivo...senza rete e senza rate... Una sola settimana per fare tutto... Occorreva lavorare sodo fin dalla prima sera... 









...con le montagne sempre lì...a guardarci...



mentre proviamo ogni singolo momento, ogni movimento dello spettacolo...









...ogni battuta...musicale e non...
















...mattino...pomeriggio...sera...ore al pianoforte e sugli altri strumenti...














Ogni giorno il nostro spettacolo prendeva forme e colori nuovi...













Cresceva lo spettacolo e cresceva l'amicizia...di tutte/i...















Questo è il miracolo di HATHOR ALESSANDRIA...mettere nel frullatore una manciata di cuori e trasformarli in vero amore...amicizia e comunità di intenti...












Tutte le cose belle, si sa, finiscono...potete immaginare come passino veloci quelle meravigliose...
Nel nostro bellissimo viaggio fatto di parole, note, suoni, risate e affetto...non poteva che arrivare l'epilogo...il nostro spettacolo... Quegli stessi genitori, incontrati all'inizio della nostra esperienza, ora sono lì...curiosi e attenti...
Lo spettacolo inizia...



















































Il successo, anche il più prevedibile, è sempre graditissimo e un po' inatteso... Sì...la nostra "BIBBIDI BOBBIDI BOH?!" è stata davvero una gran cosa...
Alla fine di esperienze come queste rimane sempre quel sapore agrodolce che indossiamo come un abito scomodo... Tutte/i felici per il gran risultato, artistico e umano (soprattutto)...tutte/i tristi perché, al termine dell'ultima battuta ognuno di noi sa che quel momento, quella settimana sono davvero finiti... Mai saranno di nuovo così...
Rimangono i nostri spazi...vuoti...anzi no...pieni di noi...del nostro magnetismo...delle nostre risate...delle nostre fugaci malinconie... 












Ci portiamo tutto a casa...


...e non riusciamo proprio a immaginare quei luoghi, fino a pochi giorni fa pieni di noi, vuoti e silenziosi...










Rimangono gli abbracci e un mare di foto ricordo...con la certezza che ci ritroveremo...ancora...insieme...a "lottare" per andare tutte/i nella stessa direzione...


Sbiadiranno le fotografie...ma non i nostri cuori...pronti a battere all'unisono...a ogni latitudine del nostro futuro...


Grazie a tutte/i per il meraviglioso viaggio emotivo...

Buona giornata...