Care lettrici e lettori fedeli, il conteggio di Net-parade,ogni mese, parte da zero. E' mia intenzione posizionare il mio BLOG nel punto più alto possibile delle classifiche. Per farlo ho bisogno del vostro aiuto. Cliccate sul banner qui sopra. Non occorrono dati personali, basta cliccare su "sì, confermo il voto"...SI PUO' FARE OGNI ORA! GRAZIE!

giovedì 29 settembre 2016

29/09/2016 Giovedì pomeriggio... Nella giornata mondiale del cuore io vi dono il mio....

Buon pomeriggio...


In questo bellissimo 29 settembre pieno di sole, che dimostra come l'estate si ostini (per fortuna) a rimanere tra noi, si celebra la giornata mondiale del cuore...
Per festeggiarlo come si deve ho deciso di donarvi il mio...
"Ti darò il mio cuore" è il titolo della composizione che ho scritto qualche anno fa...
L'ho buttata giù di getto un mattino, all'alba, al termine di un sogno che ora vi racconterò...

C'era una volta, in un tempo non definito (forse tanto tempo) un ragazzo che amava una ragazza...non ricambiato... Avrebbe fatto di tutto per lei ma...nulla...lei non apriva il suo cuore. Il ragazzo si accorse solo più tardi che proprio l'organo vitale della sua amata era gravemente ammalato e avrebbe terminato di battere di lì a poco... Senza neanche pensarci un istante, il giovane, in presenza dalla ragazza dagli occhi bellissimi e persi, aprì la sua camicia, si strappo' il suo cuore e lo pose sul suo petto... Per una strana magia, questo si aprì e ricevette il preziosissimo dono... La ragazza rispose con quei suoi occhi meravigliosi, spalancati e grati... Quella gratitudine fu l'ultima immagine che vide il ragazzo...fu il suo paradiso... Pochi istanti dopo morì (non poteva essere diversamente)...certo di aver trovato l'amore eterno.

Dopo quel sogno, così drammaticamente romantico, ho gettato, nero su bianco, le note rimaste impressionate nel mio sentire... Nacque, così, "Ti darò il mio cuore"...

Eccolo in questo LINK...



Le foto che accompagnano la Musica si riferiscono al concerto tenuto al teatro Glinka di Magnitogorsk, all'interno della mia tournée Russa compiuta nell'aprile 2014... Quella fu una della prime volte in cui proposi dal vivo questo brano...

Prossimamente lo inciderò nel terzo CD dedicato alle mie opere per pianoforte: "Confini"... Nel frattempo...ascoltatelo qui...

Buona giornata... 

29/09/2016... I ragazzi del Liceo Musicale "Saluzzo - Plana"...piccoli...ma...grandi!

Buon giorno...



Domenica, per una volta, ho fatto lo spettatore... 
Alle 17:15, presso l'Auditorium del Conservatorio "Antonio Vivaldi" di Alessandria, alcuni nostri allievi, intendo quelli del Liceo Musicale "Saluzzo - Plana" di Alessandria, si esibivano nell'ambito della prestigiosa maratona organizzata dal prestigioso istituto musicale alessandrino... Per molti delle nostre ragazze e dei nostri ragazzi questo rappresenta, contemporaneamente, il punto di arrivo e di partenza del loro futuro... 


Il punto di arrivo, al termine di cinque anni di studio "matto e disperatissimo" presso il nostro liceo musicale...e il punto di partenza per la loro alta formazione "universitaria"... Già...perché il Conservatorio, oggi, non è più accademia...come lo era ai nostri tempi...oggi è una vera e propria università!


Allora direi così...il conservatorio, per molte delle nostre ragazze e molti dei nostri ragazzi, rappresenterà un punto di approdo...in un viaggio (a quel punto a metà) verso la più bella professione che esista in questo nostro mondo...quella della, e del, musicista...
Dunque...dicevo...domenica pomeriggio ho abbandonato i panni del musicista e direttore d'orchestra e sono andato ad ascoltare le mie allieve e i miei allievi... Lo dovevo a loro...lo dovevo alle mie colleghe e ai miei colleghi...


Troppo facile predicare bene e razzolare male... "La Musica non va in vacanza"...dico sempre...quindi...nessuna pausa...neppure la domenica... Quel giorno io ero in panchina e alcune/i ragazze/i suonavano in quel posto prestigiosissimo nel quale appena una settimana prima mi ero esibito in compagnia del mio socio Claudio Gilio...
Così deve funzionare il nostro liceo... Si fa un po' per uno...oggi suoni tu...domani...tu...dopodomani...tu... Dove il "tu", ovviamente, sta a significare persone diverse... Così com'è giusto che i docenti, a rotazione, si affianchino alle ragazze e ai ragazzi di turno...per dare il loro appoggio e il loro contributo...morale e materiale...


Eccomi...dunque...seduto nella comoda platea dell'Auditorium, per la verità disturbato, e non poco, da urla da stadio e rumori di moto e motorini che irrompevano prepotentemente nella sala da fuori...complice un'estate tardiva che stenta a chiudere i battenti (anche quelli non metaforici)... Quei rumori esterni avrebbero fatto la felicità del compositore americano John Cage...ma non la nostra...
Questo, però, è stato l'unico inconveniente del pomeriggio... Per il resto, l'esecuzione delle nostre ragazze e dei nostri ragazzi è stata davvero bellissima!
Edoardo, Emanuele, Marco...e poi Lara, Eugenio e Giulia sodo stati davvero bravissimi...accompagnati splendidamente dall'orchestra d'archi del nostro liceo, diretti benissimo dall'amica, e collega, Alessandra Gho...


Non una "smagliatura" nelle trame di note tessuta con certosina precisione dai ragazzi... Dalle chitarre, al pianoforte, al flauto...agli archi...la Musica è stata celebrata nei migliori dei modi...con note "giuste" ma, soprattutto, suonate BENE...con musicalità...con dinamica...con eleganza... Perché, vedete, non basta snoccilare una sequela di suoni corretti... La cosa più difficile per un musicista che si esibisce dal vivo è fare Musica... E badate che la "M" maiuscola di Musica non è un refuso... Io uso sempre l'iniziale maiuscola della parola che più amo per ossequiarla e darle il giusto peso... 


Domenica quei ragazzi hanno reso maiuscola quella "M"...e l'hanno fatto nel posto più importante in cui l'arte dei suoni viene tramandata...
E' stata una domenica pomeriggio ben spesa quella appena passata... Non mi resta, ancora una volta, che ringraziare le allieve e gli allievi del nostro meraviglioso Liceo Musicale... Grazie perché, con la vostra arte date un senso al nostro mestiere...che poi, diciamolo, è la nostra passione...la nostra vita...il nostro essere...


Le bellissime fotografie sono della collega, e amica, Paola Massucco, sempre presente alle nostre performance e sempre gentlissima...

Domani sera potrete ascoltare di nuovo l'orchestra al completo alla "notte del ricercatore", presso l'aula magna dell'Università del Piemonte Orientale "Amedeo Avogadro"... Inizio ore 21:00...

Buona giornata  

domenica 25 settembre 2016

25/09/2016... Domenica mattina.... Gli splendidi solisti del Liceo Musicale "Saluzzo - Pana"...

Buon giorno...



L'altra settimana è stata l'orchestra del Liceo Musicale "Saluzzo - Plana", al gran completo, a dare il "La" alle nuove attività concertistiche delle nostre allieve e dei nostri allievi... E' stato un debutto "casalingo"...nell'aula magna del nostro liceo... Come ho scritto qualche giorno fa, i ragazzi hanno suonato meravigliosamente...
Io, le mie colleghe e i miei colleghi abbiamo in serbo un sacco di novità e progetti per quest'anno, il terzo dell'ancora giovanissimo liceo...
Dopo varie riunioni dei docenti delle discipline musicali si è stabilito che l'organico completo dovrà centellinare le proprie uscite...in questo modo si dovrebbe dare maggior "peso" ai concerti dell'ensemble maggiore e si eviterà di sovraffaticare le ragazze e i ragazzi...
Non sono certo che questa sia la soluzione migliore per loro... Il nostro è un Liceo Musicale... Suonare dal vivo, insieme, è una delle attività che maggiormente forma la figura dei futuri professionisti d'orchestra...
Troveremo, sicuramente, l'equilibrio migliore tra il lavoro scolastico, lo studio individuale degli strumenti e i concerti dell'orchestra...


Nel frattempo, però, con l'approvazione del dirigente, abbiamo deciso di far suonare il più possibile le nostre ragazze e i nostri ragazzi in formazioni cameristiche... Ecco...questo sì che è importante...far fare a tutte/i loro pratica in ogni formazione e in ogni genere...
Di questo vi parlerò in un POST più in là...


Per ora vi dico che oggi pomeriggio potrete da subito collaudare la tenuta psico-fisico-artistica di alcune delle nostre allieve e dei nostri allievi nell'importante Kermesse organizzata dal Conservatorio "Antonio Vivaldi" di Alessandria. Dalle 11:00 del mattino alle 23:00 di questa sera giovani musiciste/i di varie istituzioni scolastiche del Piemonte (e non solo...ci saranno anche alcune/i allieve/i della "mia" Accademia "Ferrato - Cilea" di Savona) si esibiranno in una maratona musicale organizzata proprio dal Conservatorio alessandrino...
Le allieve e gli allievi del nostro liceo si esibiranno nell'Auditorium del conservatorio (lo stesso dove una settimana fa mi sono esibito io con ACROSS DUO) a partire dalle opre 17:15...


Se sarete presenti potrete quindi ascoltare, nell'ordine:

Edoardo Fittabile  (III anno) - Chitarra
Angelo Gilardino -  Studio n.4, Elegia di Marzo
Johann Sebastian Bach - dalla Suite BWV 999, Preludio 

Emanuele Di Monaco (III anno) - Chitarra
Johann Sebastian Bach - dalla Suite BWV 995, Preludio 
Francisco Tarrega - Preludio n.2

Marco Padoan (III anno) - Pianoforte
Fryderyk Chopin - Notturno in do# minore op. postuma

Orchestra d'Archi (II e III anno)
Eugenio Mangini (III anno), Giulia Deganutti (III anno) - violini solisti
Antonio Vivaldi - Concerto in la minore op.8 n.3: Allegro
Direttore: Alessandra Gho

Orchestra d'Archi (II e III anno)
Lara Binello  (III anno) - flauto
Carl August Thielo - dal Concerto in Fa maggiore per flauto o orchestra: Adagio - Allegro
Direttore: Alessandra Gho

Docenti impegnati: Alessandra Gho (Violino e Musica d'Assieme Archi), Renato Contino (Pianoforte), Laura Rosa (Flauto), Marco Silletti (Chitarra).


Il 7 ottobre, alcune/i di loro, e altre/i, saranno impegnate/i in un'altra maratona (pomeridiana)  a Tortona... Vi dirò meglio più avanti... Lo stesso giorno, io e un drappello di sei cantanti-musicisti del liceo, terremo un concerto ad Acqui Terme (presso il Movicentro, ore 21:00) in onore della prestiogiosa ONLUS WORLD FRIENDS... Lo stesso concerto sarà replicato a Torino il 14 ottobre (forse anche a Milano il giorno prima)...

Il prossimo venerdì, 30 settembre, l'orchestra intera si esibirà nell'aula magna dell'Università del Piemonte Orientale "Amedeo Avogadro" nell'ambito della ormai notissima "notte del ricercatore"...

Come vedete...la Musica non va in vacanza...e...soprattutto...NON SI FERMA!


Vi aspettiamo numerosissime/i!



giovedì 22 settembre 2016

22/09/2016 Giovedì pomeriggio... Un'orchestra che vola...

Buon pomeriggio...


Pensate che bella storia!
Il mio BLOG è diventato un "termometro"...un indicatore...a volte frainteso...ma pur sempre un mezzo che comunica...anche involontariamente...
Quando scrivevo tre volte al giorno capitava spesso che, se un POST tardava a uscire, qualcuna o qualcuno mi scriveva in privato per chiedermi se andasse tutto bene! Incredibile...ero così ossessivo a quei tempi da rendere tali anche le mie lettrici e i miei lettori...
Una cosa simile è capitata anche ieri... Una persona, nel constatare che dopo quattro giorni non avevo ancora scritto nulla sul concerto tenuto sabato scorso dall'orchestra del Liceo Musicale "Saluzzo - Plana" di Alessandria, mi ha rivolto questa domanda: "non è rimasto contento del risultato al punto da ritenere di non dover scrivere nulla?"


Per tranquillizzare la persona che mi ha rivolto questa domanda (molto apprezzata dallo scrivente poiché in sé è racchiuso tutto l'interesse e l'amore nei confronti del nostro lavoro al liceo), e per rendere giustizia a quelle ragazze fantastiche e a quei ragazzi fantastici, risponderò qui pubblicamente....
Il concerto di sabato non è stato bello...è stato meraviglioso!
Non ho scritto nulla prima perché, come molte/i di voi sanno, il mio tempo extralavorativo in questo periodo è davvero limitatissimo. Per questo motivo mi trovo quindi costretto a centellinare i minuti da dedicare  al mi BLOG...
La performance dell'Orchestra del nostro di liceo è stata talmente alta da indurmi a non scrivere qualche parola frettolosa nelle ore immediatamente successive... Quelle ragazze e quei ragazzi si meritano di più...parole maggiormente meditate e pesate...


Partiamo dal dato di fatto: l'orchestra sabato ha eseguito lo stesso repertorio proposto negli ultimi mesi di attività didattica prima dell'arrivo dell'estate... E come poteva essere diversamente? Io non ho avuto tempo per scrivere brani nuovi ma, soprattutto, l'orchestra, a cinque giorni dalla ripresa dell'attività, non avrebbe avuto tempo e modo per apprenderli...


Il fatto meraviglioso è che quelle ragazze e quei ragazzi, dopo alcuni mesi di inattività nel gruppo, hanno fornito una prestazione ancora più precisa e sentita... 
Ebbene sì, incurante di eventuali detrattrici e detrattori (credetemi se ne trovano ovunque in giro, anche più vicine/i di quanto si possa immaginare, nascoste/i all'ombra della loro mediocrità),  dopo cinque giorni - fatti anche di considerazioni interne e ponderate-, posso sostenere, senza alcuna incertezza, che la prestazione di sabato dell'orchestra del Liceo Musicale "Saluzzo - Plana" è stata MAIUSCOLA...


Da sempre vado ripetendo a tutte le mie allieve e a tutti i miei allievi che la Musica non va in vacanza! Ebbene...le ragazze e i ragazzi del nostro liceo sabato hanno dimostrato di aver accolto la mia esortazione (che poi è anche una mia assoluta convinzione)... Tutte/i, quest'estate, non hanno riposto nello sgabuzzino di casa lo strumento...lo hanno, invece, abbracciato, studiato, portato in giro in vari corsi di perfezionamento sparsi in ogni angolo d'Italia...
Sono bastate poche ore di prove ed ecco che la magia è tornata! Quelle note su pentagramma sono diventate suoni e, insieme, Musica...Musica alta...
Guardate...non esagero...e lo dico sempre (e soprattutto) alle detrattrici e ai detrattori di cui sopra... Gli intervenuti potranno testimoniare che quello che hanno ascoltato sabato in aula magna è stata vera Musica... E non mi soffermerei a etichettarla...Musica Classica? Crossover? Leggera? Etnica? Se proprio devo unire un aggettivo al sostantivo userò questo: BELLA! Anzi...sapete cosa vi dico? Uso pure un bel superlativo...BELLISSIMA!


La bellezza della Musica non è assoluta! Non c'è una sola scala di valori per cui la Musica dei Berliner è stupenda e quella di un'orchestra di studenti lo è mille volte meno... La Musica ha una sua bellezza relativa, fatta di capacità, valore artistico, intese, empatia, sorrisi, note suonate al momento giusto e al punto giusto... La Musica è fatta da chi la suona, da chi la ascolta...dal luogo in cui viene prodotta...dal momento in cui prende vita...dal motivo per cui si fa... La nostra Musica, sabato, è stata bellissima proprio grazie a tutti questi elementi e ora, più che mai, sono orgoglioso di essere uno dei tasselli, o se vogliamo uno dei tasti che, insieme a tanti altri, assiste ogni volta al concretizzarsi di un'esperienza unica e irripetibile... Per questo ringrazio i miei colleghi Alessandra, Laura, Marco e Daniele che, a dispetto del giorno libero, sabato hanno deciso di esserci e di crederci... Per questo ringrazio i genitori, sempre presenti e sempre entusiasti...per questo ringrazio, soprattutto, le ragazze e i ragazzi del nostro liceo... 

Buon proseguimento di giornata...

22/09/2016 Giovedì mattina... PENSIERI SERI...Cinque cerchi magici...

Buon giorno...



Si sono appena concluse le paralimpiadi... Le ho seguite come ho potuto... I miei impegni, inevitabilmente, sono aumentati a dismisura rispetto alla sessione dei giochi olimpici di Rio 2016 del mese di agosto...
Vero è che, pur seguiti con attenzione dalla Rai, i giochi in questione, quelli dedicati alle atlete e agli atleti con disabilità, non sono stati esposti mediaticamente al pari di quelli maggiormente "pompati" su più canali televisivi, radiofonici e su ogni tipo di giornale, cartaceo e online...
La Rai, come ho appena scritto, se n'è occupata a tempo pieno...ma non sul primo o secondo canale...bensì su quello dedicato allo sport...credo si tratti del n.57 del digitale terrestre...
Io, per esempio, quel canale  a casa mia non lo vedo... Per la verità non vedo quasi nessun canale gentilmente offerto dal mio decoder... Sarà dovuto al fatto che abito in campagna... Per essere sincero, per quello che guardo io la televisione, potrebbero bastarmi quei pochi che riescono a fare capolino sullo schermo piatto (quasi come il contenuto della maggior parte dei programmi) della mia TV...
Delle paralimpiadi, quindi, ho visto solamente le repliche che il canale di Rai Sport trasmetteva all'ora di pranzo. A quell'ora sono quasi sempre da mio padre... Ebbene...quei frammenti di gare, variabilmente distribuite tra il nuoto, l'atletica, il tiro con l'arco, il ciclismo e tutto il resto, hanno riempito la mia anima...perché, in ognuna di quelle gare, ho visto trasudare dagli occhi e dal cuore di quelle atlete e di quegli atleti, tutta la gioia possibile che una manifestazione come quella può trasmettere a chi la vive in prima persona...
Quei sorrisi, quegli abbracci, quelle lacrime li ho visti  così intensi indifferentemente in chi ha vinto la medaglia d'oro e in chi si è classificata/o all'ultimo posto nella finale... Paradossalmente, chi non è salito sul podio ha dimostrato più gioia di quella che hanno spesso manifestato i vincitori di medaglie delle olimpiadi di agosto...
D'altra parte si sa...più gli sport sono ricchi più si impoverisce chi li pratica... Prendete i plurimilionari calciatori... Hanno stipendi che neppure i nababbi abitanti dei paesi produttori di petrolio si possono permettere... Eppure sono spesso, "mosci", spenti...demotivati... Viziati, forse?
A mano a mano che lo sport perde valore economico acquista, però, valore morale... I campioni olimpici, in effetti, sono fatti di tutt'altra pasta...sono abituati alla sofferenza fisica e spesso morale...conoscono il significato del sacrificio, quello vero, e spesso raggiungono traguardi mondiali senza percepire compensi superiori a quelli di un ragioniere di banca (con tutto il rispetto per questa categoria di lavoratori...ovviamente)...
Ma il vero "miracolo" lo compiono, ogni giorno, gli atleti paralimpici... Qualsiasi sia la loro disabilità, questi sono davvero campioni, morali e materiali, di una società che spesso si piange addosso e si arrende alle prime difficoltà... 
In quegli occhi, intensi, in quei sorrisi, smaglianti, in quegli abbracci grandissimi, io ho trovato un senso a questa vita che, spesso, tanto giusta non è...


Ho imparato tantissimo da quelle atlete e da quegli atleti...
- Ho imparato che si può nascere più volte...
- Ho imparato che si è sconfitti solo quando si rinuncia... 
- Ho imparato che non esistono barriere nelle persone che hanno le ali al cuore...
- Ho imparato che la determinazione vince sulle cose che si mettono di traverso...
- Ho imparato che è, prima di tutto, importante esserci...
- Ho imparato che il talento è una gran cosa ma è la determinazione che fa la differenza...
- Ho imparato che chi soffre, o ha sofferto, quando sorride, trasmette una gioia contagiosa...
- Ho imparato che la vita è un patrimonio pieno di sorprese...

In quei giorni, vedendo quei frammenti di cerchi in replica, mi sono commosso nel vedere compiute imprese straordinarie...fatte di record...soprattutto morali... 
Per quelle ragazze e per quei ragazzi la vera vittoria è stata essere lì...dopo indicibili sofferenze...dopo l'atroce paura di non riuscire più ad alzarsi... Per quelle ragazze essere alle paralimpiadi ha rappresentato il senso di un riscatto incredibile...in una vita che non ha mai nulla di scontato...soprattutto per loro...
Altro che il signor campione del calcio, il "gingillo", strapagato, corteggiato, vezzeggiato...
Queste paralimpiadi sono state davvero la vittoria di chi ci ha vinto soprattutto sui pregiudizi e sulle ottusità...


Sono state un capolavoro morale non solo per il famosissimo e grandissimo Alex Zanardi, che è rinato più volte e ringiovanisce a ogni sua prodezza...non sono state un'impresa solo per il caporale maggiore Monica Contrafatto, vincitrice di una medaglia di bronzo nella sua categoria dei 100 metri femminili, vinti da un'altra italiana, Martina Caironi. Quest'ultima, con le sue prodezze a Londra 2012, era riuscita a far rinascere nella stessa Monica, il sogno di riscatto, momentaneamente oscurato dalla bomba incontrata in Afghanistan che le portò via una gamba e tanti altri pezzi del suo corpo... 


Le paralimipiadi di Rio 2016 non sono state solo un tripudio per questi casi meravigliosamente eclatanti...ma per tutti gli altri strepitosamente belli, di atlete e atleti di ogni parte del mondo...
Ecco il senso di questa meravigliosa edizione delle gare paralimpiche...
Mi auguro davvero di cuore che tutti i giovani, molto (troppo) spesso arrendevoli di fronte a piccole avversità (un brutto voto, un insuccesso...umano, artistico, scolastico, sportivo...e via discorrendo) non si trincerino dietro a uno svogliato "non ce la faccio" ma trovino in quegli occhi, in quei cuori, in quelle anime con le ali, il senso di una immediata rinascita...perché, nella vita non si ottengono successi con i "se" e con i "ma"...nella vita si vince con i "SI"!

Buonissima giornata a tutte/i...

mercoledì 21 settembre 2016

21/09/2016 Mercoledì mattino...PENSIERI SERI...21 settembre...

Buon giorno...



Che c'è di strano oggi?
Oggi è il 21 settembre...e quindi?
Domani sarà il 22 settembre...e quindi?


In men che non si dica saremo di nuovo al 25 dicembre, con tutto quello che ne consegue...di bello e di brutto...
Ecco appunto...oggi è il 21 settembre...domani sarà già Natale... E lo dico perché ieri, solo ieri, era il 21 giugno...
Allora, ricapitoliamo, ieri, era l'inizio dell'estate... Avevo un sacco di attese alle porte di quel periodo meraviglioso... Attese disattese...in parte... Ad ogni modo, nel bene o nel male, quel "ieri" è già passato...e oggi non mi resta che registrare un altro dato di fatto: oggi arriva l'autunno...
Guardate, non sto neppure lì a dar retta a quel "qualcuno", o a quella "qualcuna" che avrà da eccepire scrivendomi, qui o altrove: "in realtà l'equinozio d'autunno di quest'anno cadrà domani alle 14:21"...
Sappiamo tutte/i che il 21 settembre è una "convenzione", più che una convinzione, per sancire con irrimediabile tristezza che la parte più bella dell'anno se n'è andata!
E prevengo già quel "qualcuno" o quella "qualcuna" che, qui o altrove, scriverà": "in realtà io amo più l'autunno dell'estate...per i suoi bellissimi colori...inoltre IO odio il caldo!"
Sappiamo tutte/i che io sto alludendo a un autunno decisamente più esistenziale...quello che ho cercato di descrivere anche nel mio ultimo lavoro dedicato alle quattro stagioni di Antonio Vivaldi...
Insomma, prevenendo quel solito "qualcuno" e/o quella solita "qualcuna", vi dirò quanto segue: ebbene sì, temo di essermi svegliato con il piede sbagliato questa mattina... Mi sono svegliato con l'autunno nel cuore...e questo, nonostante le apparenti indicazioni semiologiche, non è bello... Sarà per il fatto che è un paio di notti che sento freddo mentre dormo...sarà perché, sino a pochi giorni fa, la doccia del mattino era quella che preferivo...perché lavava il sudore della notte e, simbolicamente, i suoi sogni non sempre amici...
Questa mattina no, la doccia mi è servita per scaldarmi dal freddo (forse è meglio scrivere "fresco") della notte appena trascorsa...
Me ne farò una ragione...ogni anno mi alleno a sopportare il passaggio all'autunno senza troppi traumi... Mi alleno per quando sarò (più) vecchio...
Ci penserà la Musica, anche oggi, a distrarmi dal mio autunno interno... 
Le note scaldano sempre il cuore...anche quando non te lo meriti...

Buona giornata

martedì 20 settembre 2016

20/09/2016 Martedì pomeriggio... La forza della Musica...

Buon pomeriggio...

Sono sempre in ritardo sulla tabella di marcia...
Non solo non riesco a pubblicare in anticipo le date dei prossimi concerti...in questo periodo non riesco neppure a raccontarvi come sono andati quelli appena fatti...




Cerchiamo di cogliere il lato positivo... Se non scrivo è perché lavoro troppo... Aggiungiamo che il lavoro è soprattutto musicale, fatto di composizioni, arrangiamenti, studio al pianoforte e prove... Beh...vi garantisco che mi auguro di avere sempre meno tempo per i POST del mio BLOG...


Detto questo...vi riassumo sinteticamente il concerto tenuto dal sottoscritto e Claudio Gilio, quindi da ACROSS DUO, venerdì pomeriggio nell'Auditorium del Conservatorio "Antonio Vivaldi" di Alessandria: BELLO!
Troppo sintetico? Va bene...aggiungerò qualcosa: PROFONDO!
Vi perplime la mia assoluta brevità? Ok...aggiungo ancora qualcosa: INTENSO!


SIGNORA, è da un po' che lei non si faceva sentire in queste pagine (difficile farsi sentire tra le parole scritte...il merito va a lei che ci riesce)!
Sa cosa le dico? Che LEI, proprio LEI, che ora si lamenta, avrebbe dovuto presenziare al nostro concerto...
Ecco, se proprio devo fare una piccolissima critica all'organizzazione dell'evento direi che, forse, questa bellissima "festa del pensiero" avrebbe dovuto godere di un po' più di attenzione in fase di programmazione... La concomitanza del nostro concerto con un altro programmato alla stessa ora non ha aiutato nessuna delle due situazioni... 


Gli eventi, peraltro, sono stati tali e tanti in quei giorni importantissimi fatti di parole, musica, pensieri e arte, da rendere inevitabile la mancanza di folle oceaniche in sale bellissime come quella del Vivaldi...neppure aiutata dall'orario... 
Le 17:00, anche per i non scaramantici, diventa un'ora complicata in un venerdì lavorativo che precede il fine settimana...
Detto questo, quel pubblico, quello presente, è stato fantastico...attento...consonante con il nostro sentire...


Sapete, in quell'auditorium, proprio in quello (beh...non era così bello, in verità...e neppure il pianoforte residente era così spettacolare), ho sostenuto, nella notte dei tempi, il mio diploma di pianoforte... In quel conservatorio ho anche conseguito i diplomi di Composizione, Musica Corale e Direzione di Coro... 
In quella importantissima istituzione musicale ho pure insegnato nell'ormai remoto anno accademico 1993/1994...
L'emozione, voi mi capirete, era altissima... 


Devo riconoscere al nostro compagno di viaggio, Giovanni Guanti, una capacità comunicativa eccezionale... Il caro amico e grande musicologo e filosofo della Musica, ha saputo volare altissimo, facendo librare nell'aria anche i sentimenti del pubblico, usando parole "terrene" o, se preferite, "commestibili"...



E' difficile parlare di filosofia usando termini complessi...ancora più arduo, se non quasi impossibile, fare uso di un registro narrativo  assolutamente confidenziale... 
Giovanni Guanti, dall'alto della sua semplicità, ha saputo davvero avvolgere gli intervenuti, musicisti compresi, con una dialettica avvincente e misurata...



Fortunatissima la sua idea di contrappuntare le sue parole con la nostra Musica... Io e Claudio sapevamo di dover suonare il nostro programma in un'unica sessione, al termine della relazione di Giovanni... Quest'ultimo ci ha invece proposto di alternarci... Quattro set parlati intercalati da quattro set suonati... Ecco la formula vincente... Io, abituato a parlare in pubblico (come del resto Claudio Gilio), sono stato direttamente ispirato dalle parole di Giovanni... Le mie, quindi, sono diventate migliori di quelle che avevo pensato... Di questo ringrazio l'amico ispiratore...


In effetti quello che è uscito dalle nostre teste, dalle nostre mani e dai nostri cuori pare essere stato discusso ampiamente "a tavolino"... 
...Pareva... Non è stato così...
...Perché...solo l'intuizione e il comune sentire, se miscelate nel frullatore dell'l'ispirazione umana,  producono effetti insperati...

...
E' stato davvero un bel pomeriggio...altro e alto...

Buon pomeriggio...